“Quattro donne e…un bagno” al teatro Testaccio si ride

Intervista a Martina Menichini, una delle protagoniste di "Quattro donne e... un bagno" al Teatro Testaccio fino al 27 marzo

“Quattro donne e… un bagno” una commedia di Salvatore Scirè

Dal 15 al 27 marzo al teatro Testaccio si ride con la commedia “Quattro donne e… un bagno” scritta e diretta da Salvatore Scirè, da un’idea di Giancarlo Leone. In scena quattro affascinanti attrici come Antonella Arduini, Martina Menichini, Maria Sofia Palmieri,Giulia Amerise, e due attori Mario Sapia, Adolfo Bianchi Whites, nel ruolo uno di un imbroglione e l’altro di un custode manutentore.
La storia per niente inverosimile, quella di “Quattro donne e… un bagno”, una di quelle che si legge sui giornali, ovvero un agente immobiliare che affitta lo stesso appartamento a quattro donne, le quali ne prendono possesso, ciascuna pensando di essere l’unica affittuaria; e invece si ritrovano a discutere per fare i turni su chi può utilizzare per prima il bagno! E così cominciano i problemi e si ritrovano a dover affrontare una convivenza forzata. Le malcapitate, una volta accettata la situazione, cominciano a dibattere su come perseguire legalmente il truffatore; anzi, studiano il modo migliore per vendicarsi; e magari riuscire a recuperare i soldi indebitamente estorti. Ovviamente, tutti i calcoli delle ragazze e le ipotesi da loro prese in considerazione vanno a carte quarantotto, per una serie di circostanze impreviste ed imprevedibili! Anzi, le ultime scene della commedia ci riserveranno delle sorprese tanto impensabili, quanto divertenti.
In un crescendo di ironia e umorismo, si confrontano quattro protagoniste: Antonella Arduini (una Carla pungente e decisa), Martina Menichini (l’ironica e accentratrice Giulia), Maria Sofia Palmieri (l’affascinante e molto romantica Sofia) e Giulia Amerise (la frizzante Azzurra dalle molte sorprese).
Alla talentuosa  Martina Menichini, abbiamo chiesto:

Martina Menichini
Martina Menichini

Com’è lavorare in una commedia con 4 protagoniste femminili?
Impegnativo ma divertente. E’ fondamentale quando si lavora trovare la giusta armonia, e si sa tra gli artisti la competizione può essere disarmante. Fortunatamente in questa commedia dove siamo ben 4  prime donne questo non è accaduto. Subito affiatate e regine della scena, ognuna rispettando l’altra“.
Lei che viene dalla televisione come si è trovata in questa pièce teatrale?
La mia formazione non è esclusivamente televisiva. Ho studiato e raffinato la mia recitazione a Londra, sono diplomata in doppiaggio e oltre ad un’accademia teatrale ho preso parte a molteplici stages con i più importanti coach americani. La mia passione non si fossilizza solo nel piccolo schermo e quindi rivolta ad un pubblico ristretto, ma al grande schermo. Infatti a breve sarà promossa la mia immagine ad un livello nazionale e internazionale…La domanda me la faccio da sola…Ma dove ti vedremo? Beh non vi resta che attendere! Nel frattempo vi aspetto dal 15 fino al 27 al mio spettacolo, per farci quattro risate”.
Dividere il bagno è davvero una esperienza terribile?
Si lo è se si è costretti ad una convivenza forzata…e poi diciamocelo raccogliere i capelli che non sono i tuoi…mamma mia!!! Però diventa piacevole se il rapporto con chi condividi il bagno è invece solido. Mi ricordo che con le mie compagne di sincronizzato il bagno era il confessionale, mentre una si truccava l’altra sulla tavoletta raccontava i suoi drammi”.
Che cosa le piace di più di questo testo?
Mi piace il fatto che siamo tutti protagonisti della scena. Un testo inedito e frizzante dai ritmi coinvolgenti. Non c’è respiro e per noi attrici è una grande prova di concentrazione. Lo trovo molto stimolante anche perché penso che mi calzi a pennello, anche nella realtà sono una ragazza che vuole avere sempre il controllo della situazione…ma non vi svelo altro!“.

Per passare una serata divertente ,”Quattro donne e.. un bagno” al teatro Testaccio, http://www.teatrotestaccio.com, fino al 27 marzo!

Articolo di Antonietta Di Vizia

“Quattro donne e…un bagno” al teatro Testaccio si ride ultima modifica: 2016-03-15T17:27:03+00:00 da Antonietta Di Vizia