La Curva dei rendimenti cinesi si è invertita, si rischia un bagno di sangue

 Si è invertita la Curva dei rendimenti cinesi. Si rischia un bagno di sangue globale.

Mentre i Policy Makers di tutto il mondo occidentale ci raccontano che l’economia migliora (ed in parte è vero) e che i trend borsistici si autoalimentano di speculazione in speculazione, la curva dei rendimenti cinesi si è invertita.

Infatti, un mese fa, il tasso a 10 anni veniva a rendere meno del tasso a 5 anni. Ora per la seconda volta nella storia, i rendimenti ad un anno sono superiori rispetto a quelli a 10 anni.

Per chi non avesse dimestichezza con la materia, si ricordi che l’inversione della curva precede in genere di 3-6 mesi, la recessione economica e il crollo del mercato azionario. Da quando 20 anni fa la Cina è entrata a far parte dell’organizzazione mondiale del commercio (WTO), la Cina è diventata la seconda economia del pianeta, nonché la maggior fonte di crescita per l’intero ciclo economico mondiale.

Già sul finire del 2015 c’era stata qualche avvisaglia con le prime due funeste svalutazione dello YUAN cinese. Ma il tutto era rientrato nella normalità. Ora sembra davvero imminente una recessione, che può scatenare una crisi globale simile a quella vista nel biennio 2008-2009, in presenza di bolle speculative sia sul mercato equity che bond.

Infatti le interrelazioni economiche, commerciali e finanziaria tra la Cina e il resto del mondo sono diventate così strette e pervasive che non è più necessario aspettare l’inversione della curva USA, per predire sventure.

Anzi, siamo forse dinnanzi alla prima vera probabile recessione globale nata in Cina, paese destinato nel medio periodo a superare persino l’economia USA.

Il vero problema è che il mondo ha nel frattempo raggiunto un livello di indebitamento complessivo insostenibile, senza avere imparato nulla delle lezioni della crisi 2008-2009. Si parla del 250 % – 300% sul Pil.

Ora il consiglio è di rivedere la propria propensione al rischio e proteggersi davvero contro un potenziale e probabile bagno di sangue imminente (3 – 6 mesi ). Uno dei grandi vincitori di questa fase potrebbe essere l’ORO, bene rifugio per eccellenza.

Credetemi, non è filosofia dei massimi sistemi. Si riflette a breve sulla stabilità dei nostri posti di lavoro. Non voglio fare la Cassandra, ma “Dura Lex Sed Lex ”. Uomo avvisato, mezzo salvato!

Analisi di Andrea Vedovati

 

La Curva dei rendimenti cinesi si è invertita, si rischia un bagno di sangue ultima modifica: 2017-06-12T15:29:15+00:00 da Antonietta Di Vizia