“La grande guerra di Achille”, l’ultima pubblicazione di Claudio Leoni, autore e scrittore di Velletri

"La grande guerra di Achille, autobiografia di un analfabeta", l'ultima pubblicazione di Claudio Leoni.

Alt text La grande guerra di Achille

“La grande guerra di Achille, autobiografia di un analfabeta”, l’ultima pubblicazione di Claudio Leoni, fa incetta di applausi, ieri la presentazione ad Anzio presso i Musei di Villa Adele e domani alla libreria Mondadori di Grosseto.

Claudio Leoni, vive a Velletri ed insegna a Lariano, ormai conosciuto ovunque, perché spesso anima siti archeologici e musei, scrive e pubblica qualche testo teatrale, riceve premi letterari, legge qualcosa a qualcuno, ma ogni giorno tocca la terra. Da questa faticosa carezza riceve insalate, uva da vino, olive, mele rosate e quando il contatto diventa più profondo, ossa e storie che laggiù aspettano qualcuno che le riporti, rispettosamente, in superficie.

Alt text La grande guerra di Achille

“La grande guerra di Achille”, è il un libro all’insegna del ricordo, si parla della dei cento anni dalla Guerra del 15-18, che stanno lentamente trascorrendo e quindi di una guerra, come tutte le guerre, crudele e dolorosa e chi pagò il prezzo più alto fu, come al solito, la povera gente. Pastori, contadini, pescatori e braccianti che sapevano sì e no scrivere il loro nome su un foglio, parlare malamente la lingua italiana, abituati a lavorare duro dalla mattina alla sera per sfamare le proprie famiglie e pagare le tasse che tutti i governi imponevano, furono mandati al macello senza riguardi e senza grazia.

Improvvisamente, persone che non avevano mai lasciato il loro paese si ritrovarono in una regione sconosciuta a fronteggiare un esercito agguerrito e ben organizzato. Molti di questi uomini morirono, molti diventarono eroi loro malgrado, moltissimi diventarono disertori e Achille, il personaggio che ritroviamo nel libro, “La grande guerra di Achille” di Claudio Leoni è proprio il racconto autobiografico di uno di questi.

Achille ha trentaquattro anni, quattro figli, due vacche nella stalla, una vigna da curare e una moglie che ogni notte lo rende immortale come un antico dio della terra. Non può lasciare tutto questo per andare in guerra”

E invece in guerra Achille ci andrà e la narrazione lo segue passo passo, creando, come dice Daniele Serapiglia nella prefazione, “un affresco che colpisce per la sua forza visiva” e ci riporta alla vita vera di un uomo. Achille è nato e vissuto a Velletri, ma la sua grande guerra è stata esattamente uguale a quella di migliaia di poveri uomini che lottarono non per i confini sconosciuti di una patria percepita vagamente, ma più concretamente per riportare a casa la pelle. La vita era fatica, sudore. Era fatta di terra, vigne ed ulivi. Per amore di questo antico mondo Achille tornerà a casa e diventerà un disertore poiché l’esperienza della guerra è stata dura, ma anche effimera nel suo dolore dopo il ritorno a casa.

A cura di Lorella Iaci

RomaOggi.Eu → Leggi il prossimo articolo

Alt text La grande guerra di Achille

“La grande guerra di Achille”, l’ultima pubblicazione di Claudio Leoni, autore e scrittore di Velletri ultima modifica: 2017-08-02T14:23:46+00:00 da Lorella Iaci