Lei non deve sapere- un libro nel solco della tradizione narrativa europea

alt tag lei non deve
RomaOggi © 2017 Alma Labbatessa - SIFAL

Grande successo il 21 ottobre 2017 per la presentazione del romanzo Lei non deve sapere, di Giusy Amato, ci racconta del libro il giornalista Ruggiero Capone che ha condotto la serata, letture dell’ attrice Natalia Simonova che ha reso vivo il libro con la sua vibrante voce. Presentazione alla stampa avvenuta nella redazione del sito di informazione RomaOggi.eu a Ponte Milvio.

alt tag lei non deve
RomaOggi © 2017 Alma Labbatessa – SIFAL

Il romanzo di Giusy Amato, nel solco della tradizione narrativa europea.

Lei non deve sapere è l’ultimo romanzo di Giusy Amato. Due storie parallelle, intrecci amorosi, mistero, i protagonisti rivelano la loro vera natura solo alla fine. Tanta suspense circonda la vita di Geraldine e Mindy, le due protagoniste, non da meno quella dei vari coprotagonisti. Nelle storie è totalmente assente la nuova tecnologia, e perché sono ambientate negli anni ’60 dello scorso secolo.

Per certi versi i protagonisti dell’opera di Giusy Amato sono paragonabili a quelli che animano i racconti di “An American Tragedy”, il romanzo americano che Theodore Dreiser dato alle stampe nel 1925: la storia che tutti abbiamo conosciuto con il film di George Stevens “Un posto al sole”, in cui Montgomery Clift recitava la parte del “femminicida”.

Anche nel romanzo Lei non deve sapere, della Amato le donne sono i personaggi chiave attorno ai quali ruotano le due storie. E c’è anche qui l’ingrediente alla Dreiser, ovvero l’uomo debole che si lascia sopraffare da un padre cinico e anaffettivo. “L’uomo arrabbiato che si sente tradito dal mondo intero e l’uomo circondato da un alone di mistero”, per dirla alla Amato. Anche le due protagoniste, Geraldine e Mindy, sono in perfetta sintonia col romanzo americano. Infatti ci sono gli ingredienti della ragazza modesta con una madre che non ce la fa a superare una separazione e si suicida, affidando la sua bambina al fratello che la cresce non come uno zio ma come un padre: e qui l’autrice sembrerebbe anche strizzare ai Miserabili di Victor Hugo, dove il galeotto Jean Valjiean fa da padre o zio alla piccola Cosette, figlia di Fantine deceduta tra le braccia del prodigo zio putativo Valjiean. Fantine rimasta incinta molto giovane come una delle protagoniste del romanzo di Giusy Amato. Così anche in “Lei non deve sapere” c’è l’ingrediente di una delle protagoniste rimasta incinta a diciassette anni del suo grande amore: ma il padre di lui, un uomo ricco e potente fa in modo di separarli con l’inganno: lei decide di far nascere comunque il suo bambino, al quale racconta che il padre è morto prima che lui nascesse. Ingredienti tutti che pongono Giusy Amato nel solco del romanzo tradizionale europeo, strada già percorsa da autori come Dostoevskij, Hemingway, Dreiser…

alt tag lei non deve
RomaOggi © 2017 Alma Labbatessa – SIFAL
alt tag lei non deve
RomaOggi © 2017 Alma Labbatessa – SIFAL

Ruggiero Capone

Lei non deve sapere- un libro nel solco della tradizione narrativa europea ultima modifica: 2017-10-23T18:09:44+00:00 da Antonietta Di Vizia