Il Trastevere si prende la rivincità sull’andata e batte 3-1 il Monterosi

CLICCA QUI PER COMPRARE IL MIO NUOVO EBOOK A SOLI € 0,49!

Il tempo incerto allo stadio Martoni di Monterosi ha fatto da sfondo ad una decisa, mirata e ben organizzata prestazione del Trastevere che porta a casa tre punti molto importanti in questa fase delicata del campionato e soprattutto decisivi in relazione alle sconfitte di Aprilia e Cassino, pretendenti alla zona playoff, che restano con oggi qualche passo in più indietro.

Dopo un quarto d’ora di studio fra le due compagini è il Trastevere ad aprire le danze segnando il primo gol della partita firmato Davide Lorusso.

Con il vento a sfavore, al 19′ il Monterosi tenta di rifarsi con un calcio d’angolo, ma la sfera viene spazzata via da un pugno di Caruso che svetta su tutti nella mischia in area amaranto.

Al 26′ Martorelli, con uno splendido colpo di testa, fa esultare prematuramente i tifosi trasteverini che vedono però i loro sogni infranti da un miracoloso salvataggio di Cavalli.

Al 39′ ci riprova Bernardotto che però perde in un faccia a faccia con l’estremo difensore di casa e il primo tempo si chiude con il vantaggio del Trastevere.

La squadra del Rione torna in campo con le idee chiare e subito punta al raddoppio: al 6′ Cavalli è costretto ad una parata di emergenza sempre a tu per tu con Bernardotto e al 9′ Lorusso sfiora il palo alla sinistra dell’estremo difensore del Monterosi.

Saranno però i padroni di casa a segnare al 14′ il secondo gol del match. È Salvatori a sfruttare un momento di confusione fronte porta avversaria siglando la rete del pareggio.

Cerca il bis Manoni che al 27′, calciando una punizione, indirizza la palla dritta in porta dove però trova pronto Caruso.

Alt text cinecittà world
Ottieni uno sconto sull’acquisto dei biglietti! CLICCA QUI

Al 35′ il Monterosi rimane con 10 uomini in campo: lo stesso autore del gol per la squadra di casa viene allontanato dal direttore di gara per un duro fallo ai danni di Bernardotto. Sarà proprio l’attaccante classe ’97 a ristabilire la supremazia trasteverina segnando al 40′ il gol dell’1-2.

Il sigillo del risultato in favore degli amaranto è marchiato Neri che, entrato al 24′, dà spettacolo della sua bravura per tutti i suoi 25 minuti di gioco, segnando il gol dell’1-3 a pochi secondi dal fischio finale.

Ulteriore nota d’orgoglio per la società romana è l’esordio in serie D del ’99 Maresca, proveniente dal vivaio trasteverino, entrato al 47′ del secondo tempo in sostituzione di Riccucci.

Mister Gardini: “I primi 10 minuti ci hanno messo in difficoltà, poi abbiamo preso le distanze e abbiamo chiuso il primo tempo in vantaggio, anche se avremmo potuto concludere in più di un’occasione. Siamo stati anche fortunati perché il vento ha dato fastidio più al Monterosi, ma abbiamo meritatamente portato a casa i tre punti”.


Monterosi

Cavalli, Tarantino, Manoni, Matrone (46′ st Raho), Costantini, Salvatori, Lo Pinto, Palombi (36′ st Nannini), Cicino, Morbidelli, Crescenzo (26′ st Minella).

A disp. Florio, Lommi, Centrella, Tassone, Pisani, Quatrana.

All. Savini.

Trastevere

Caruso, Cotani, Vendetti, Fatati, Sfanò, Martorelli, Riccucci (47′ st Maresca), Chinappi, Cardillo (24′ st Neri), Lorusso, Bernardotto (41′ st Larosa).

A disp. Sottoriva, Giannone, Campori, Monaldi, Barbarossa, Druschky.

All. Aldo Gardini.

Arbitro: Sig. Cutrufo (Catania)

Assistenti: Sig. Maccarone (Acireale) e sig. Piccichè (Trapani)

Marcatori: 17′ pt Lorusso (T), 14′ st Salvatori (M), 40′ st Barnardotto (T), 49′ st Neri (T).

Note

Ammoniti: Sfanò (32′ st), Manoni.

Espulsi: Salvatori (35′ st).

Recupero: 0 pt, 4′ st.

🎤 Le parole di Mister Gardini nel post gara

Posted by Trastevere Calcio on Sonntag, 18. März 2018

RomaOggi.eu → Leggi il prossimo articolo

La Redazione

RomaOggi.eu “Interesting news for interesting people”

Alt text Roma calcio femminile
Indirizzo: Circonvallazione Clodia, 90, 00195 Roma RM
Telefono: 06 370 1272
Il Trastevere si prende la rivincità sull’andata e batte 3-1 il Monterosi ultima modifica: 2018-03-19T09:52:22+00:00 da Cristiano Morelli