Totti e Spalletti, una polemica creata ad arte

Totti, Spalletti e il giornalismo spazzatura

Continua la polemica creata dalla stampa tra Totti e Spalletti

La polemica in corso da un po’ di tempo tra Francesco Totti e Luciano Spalletti ha del surreale, è in molti si chiedono per quale motivo si debba per forza creare una contrapposizione tra il tecnico toscano e il capitano romanista. Sembra a dir poco strano il trattamento riservato a Spalletti da certa stampa, come se ci fosse qualcuno che non gradisce il nuovo modo di comunicare dell’allenatore toscano, che fin da quando è tornato ha messo subito le cose in chiaro. Celebre è stata la conferenza stampa alla vigilia della partita contro la Sampdoria in cui Spalletti ha fatto capire che i “topini” a Trigoria non erano più graditi. Una comunicazione completamente diversa rispetto a quella di Rudi Garcia, che ci aveva abituato a delle conferenze stampa di rito che sembravano scritte dall’ufficio stampa della Roma. Non è allora che a qualcuno per caso dia fastidio questo cambiamento di stile nei confronti di chi fa informazione? Sembra assurdo che i giornali aprano con le polemiche tra Totti e Spalletti, quando invece sarebbe più opportuno focalizzarsi sul fatto che se la Roma è tornata in corsa per la Champions League è merito di Spalletti. Sembra come se si volesse creare una sollevazione popolare contro Luciano Spalletti usando la figura di Francesco Totti. L’unica cosa chiara per il momento è che il tecnico toscano sta mettendo alla prova ogni singolo giocatore che ha in squadra per decidere su chi puntare il prossimo anno, per evitare cali di concentrazioni e figuracce come domenica scorsa a Bergamo. Totti, e non solo, è sicuramente tra questi, ma la domanda che sorge è spontanea: «Può la Roma ancora puntare su Totti?»

totti

La risposta è no. Sia chiaro, qui nessuno mette in dubbio le qualità del capitano della Roma, che è sicuramente sono superiore a quelli di tanti giocatori giovani che militano nella Serie A, ma il programma di una squadra seria che vuole vincere, non può basarsi su un giocatore che il prossimo settembre compirà quarantanni. E’ opportuno riflettere sul fatto che i giocatori vanno e vengono, e che l’unica cosa che realmente resta è la maglia. Luciano Spalletti sta provando a cambiare la mentalità statica di questa città, che per lo più per tanti anni si è basata sul vincere il derby e su l’intoccabilità di Francesco Totti. Nelle realtà vincenti, che portano a casa Champions League e scudetti, questi problemi vengono vissuti in maniera diversa e senza drammi, basti pensare ad Alessandro Del Piero, che è fu messo alla porta dalla Juventus, che preferì puntare su Tevez. Dobbiamo prendere atto che ormai l’epoca di Francesco Totti è finita e che è giusto che lasci spazio ad altri giocatori nella speranza che un giorno possano diventare più forti, di quello che è per il momento, il giocatore di più grande talento che abbia mai indossato la maglia giallorossa.

Articolo di Cristiano Morelli

Totti
Circonvallazione Clodia, 90- Roma –  Tel 06.3701272               http://www.hostariaedmondo.it/

Totti e Spalletti, una polemica creata ad arte ultima modifica: 2016-04-19T14:32:30+01:00 da Cristiano Morelli