Roma-Zorya 4-0

Maurizio Rosi, socio dello storico club Roma Testaccio.

Alt text Roma

Mourinho alla vigilia della partita aveva detto che oggi ci giocavamo una finale, cioè l’approccio alla gara doveva essere serio per poter mantenere il secondo posto in classifica e magari puntare al primato del girone, sperando in un passo falso del Bodo, che però non ha commesso. Nei primi minuti di gara la Roma sarebbe potuta andare in rete con Abraham, ma l’attaccante si mangia un gol a porta vuota da mettersi le mani nei capelli, però la Roma riesce a sbloccare il risultato prima con Pérez al 15’, poi arriva il gol di Zaniolo al 33’ e a chiudere la doppietta di Abraham realizzata con i gol avvenuti ai minuti 46’ e 75’, l’ultimo gol arriva su rovesciata, molto bello. C’è da dire che Veretout si è fatto parare il rigore a favore della Roma ma il risultato è andato comunque al sicuro a favore dei giallorossi nei minuti successivi.

Alt text Roma

Personalmente oggi ero molto incuriosito dalla nuova posizione assegnata a Zaniolo, cioè quella di seconda punta, devo dire che rende molto meglio che sulla fascia, riesce ad essere più nel vivo della partita e a liberarsi più facilmente al tiro. Zaniolo oggi è stato un pochino egoista in qualche scorcio di partita ma il suo peso in attacco si è sentito molto, infatti oltre ad aver segnato un gol ha dato supporto ad Abraham che nel recente passato è stato sempre da solo a reggere il reparto d’attacco e quindi facilmente arginabile. Non è una partita che può consacrare Zaniolo a futura seconda punta però bisognerà provarlo ancora in questo ruolo. Pérez ha dato vivacità alla manovra e segnando ha dato pure più peso alla sua prestazione ma Mkhitaryan è il giocatore che nel nuovo ruolo, cioè posizionato dietro alle punte, riesce a dare qualità e velocità alla manovra della squadra, arriva addirittura molto generosamente sulla linea di difesa a costruire l’azione dal basso, attualmente lui è indispensabile. Segnaliamo l’esordio del giovane Filippo Missori. Ora pensiamo alla partita col Torino. Per chi si chiedesse il motivo per il quale il giovane Afena non stesse oggi neanche in panchina, è dovuto al fatto che non era stato inserito nelle liste Uefa, ma sicuramente ciò cambierà. Daje Roma!

© Maurizio Rosi

https://www.associazioneitalianaromaclub.it/roma-clubs/testaccio/

Roma-Zorya 4-0 ultima modifica: 2021-11-26T09:05:22+01:00 da admin