La Roma batte i granata con un gol di Abraham

MAURIZIO ROSI, SOCIO DELLO STORICO CLUB ROMA TESTACCIO.

Alt text Roma

Che ambiente si presentava oggi? Il Milan aveva perso, e la Juve aveva subito la stessa sorte a favore dell’Atalanta, quindi alla Roma serviva nuovamente vincere per non farsi scappare troppo in alto in classifica i bergamaschi; inoltre la sera ci sarebbe stata la partita Napoli-lazio da non sottovalutare. L’incontro all’Olimpico vedeva una Roma in partita ma al tiro non ci si andava proprio, i giallorossi perdono a inizio partita pure Pellegrini per un problema muscolare e al suo posto subentra Carles Péres. Gli occhi erano puntati tutti sulla nuova coppia d’attacco Abraham – Zaniolo ma nonostante stavano lottando senza risparmiarsi, non arrivava da loro neanche un tiro nella porta avversaria, sino a che al 32’ un’azione innescata da Zaniolo, rifinita da Mkhitaryan e ribadita in reta da Tammy Abraham non porta la Roma in vantaggio.

Alt text Roma

Alla Roma viene anche fischiato un rigore su El Shaarawy ma il Var annulla per fuori gioco della punta dei tacchetti di Abraham, assurdo ma fiscalmente giusto. Il Torino non sta a guardare, sputa sangue dalla bocca pur di riacciuffare il pareggio e c’è da dire che sullo 0-0 ha avuto pure più occasioni della Roma di far male ma questa volta i giallorossi sono stati cinici, alla prima occasione che gli si è presentata, hanno fatto gol. In difesa la Roma è stata molto efficace e Rui Patricio c’ha messo del suo anche oggi. Abraham di testa ha preso la solita traversa, sembra che se non prende un legno a partita non va a casa contento, ma quando i legni diventeranno gol, inizierà a spaventare la classifica cannonieri. Zaniolo scalpita e smania dall’andare in rete, per questo pecca di egoismo in partita in più di un’occasione e non passa la palla quando dovrebbe, ma quando va in progressione è impressionante, ha uno strapotere fisico fuori dal comune, ho il flash di tre azioni, una dove lo devono contenere col fallo in quattro per evitare che arrivi in area, un’altra dove punta i piedi e difende un pallone sulla linea di fondo nostra, praticamente un muro invalicabile, poi su rilancio della difesa, addomestica un pallone difficile con l’avversario in pressione da dietro che è costretto ad atterrarlo per evitargli la ripartenza; venderlo? Non diciamo assurdità, ripartiamo da giovani forti come lui. Penso che Zaniolo abbia trovato la sua posizione finalmente, seconda punta. Non credo che la Roma abbia mai avuto due armadi in attacco come loro, giovani e con la fame di spaccare il mondo. Oggi la Roma non avendo Veretout perché squalificato, ha dovuto schierare Diawara, che non ha giocato male, ma se la Roma vuole fare quel salto di qualità a cui punta, dovrà assolutamente comprare quel tassello a centrocampo che possa dare geometrie e tempi di gioco di cui necessita ed anche un ricambio a Karsdorp, anche oggi ottima prova la sua, non possiamo permetterci che riposi. Daje Roma, sotto così!

© Maurizio Rosi

https://www.associazioneitalianaromaclub.it/roma-clubs/testaccio/

La Roma batte i granata con un gol di Abraham ultima modifica: 2021-11-28T23:13:38+01:00 da admin