Ironica e travolgente-Non è una tragedia- al Teatro delle Muse

alt tag tragedia
Geppi di Stasio, Wanda Pirol e Rino Santoro.

Non è una tragedia la travolgente commedia in scena al Teatro delle Muse, dal 26 aprile al 6 maggio 2018, testo e regia di Geppi di Stasio, con Wanda Pirol, Rino Santoro e Geppi di Stasio, è una ironica piecè da non perdere per briosità e sano umorismo.

alt tag non è una commedia
Geppi di Stasio e Wanda Pirol

Davvero  bravissimi gli attori in scena, talmente bravi da far pensare al pubblico “Meno male che sono venuto a teatro stasera e non sono rimasto a vedere la Tv“. Sempre incantevole Wanda Pirol, che nel tempo conserva fascino e maestria, altro pilastro in scena l’intramontabile Rino Santoro ed infine il camaleontico e sempre più bravo, Geppi di Stasio.

Geppi che ha curato testo e regia è il vero fulcro di questo spettacolo,  in continua crescita e trasformazione, perfetto nei panni di personaggi sempre nuovi tutti perfettamente interpretati nel corso di questa stagione teatrale, come quest’ultimo in Non è una Tragedia, ovvero un cinquantenne in cerca di appuntamenti hard sul web, dal nickname ATTILA 35, con un fallimento matrimoniale alle spalle e una figlia adolescente che non lo vuole vedere.

Ironica e moderna Non è una tragedia è una commedia napoletana fatta di doppisensi e di malintesi, per raccontare con un filo di tristezza il dolore del fallimento familiare e della insoddisfazione professionale degli uomini e donne del terzo millennio.

Due ore di spettacolo davvero brillanti, una commedia non particolarmente fortunata come programmazione dal 26 aprile al 6 maggio 2018, visto che ci sono feste e ponti e che la capitale è praticamente svuotata, ma sicuramente  il teatro delle Muse con questo spettacolo si  conferma un posto dove passare una serata esilarante, in compagnia di professionisti veri ed indiscussi del teatro italiano.

alt tag tragedia

Antonietta Di Vizia

Ironica e travolgente-Non è una tragedia- al Teatro delle Muse ultima modifica: 2018-04-28T15:12:39+00:00 da Antonietta Di Vizia