“Sisters in Love” al Teatro Di Documenti a Testaccio

"Sisters in love" per ridere a teatro con giovani e talentuosi attori

“Sisters in love” per ridere a teatro.

Fino al 21 Febbraio, nel quartiere della mouvida romana Testaccio, la brillante commedia “Sisters in love” di Angela D’Onofrio e Roberto D’Alessandro, regia di Roberto D’Alessandro con Angela D’Onofrio, Annabella Calabrese, Danila Negro, Domenico Franceschelli e Francesco Manisi, produzione Andrea Leone. Una commedia fresca e scoppiettante sull’amicizia femminile, la rivalità tra donne, i piccoli e grandi segreti familiari e il riscatto dei perdenti. In poche parole la storia di tre donne rassegnate, un nerd disadattato e un prestante ragazzo egiziano, un racconto di fragilità maschili e femminili affrontate con grande ironia e per stereotipi che enfatizzano i personaggi rendendoli esilaranti. Nel finale, un inatteso colpo di scena, come nella migliore tradizione della commedia italiana capovolge le prospettive di una piecè già di per sé, folle e imprevedibile. Al produttore Andrea Leone abbiamo chiesto: Qual è la peculiarità di questa commedia?E’ una commedia molto divertente ed attuale, da molto tempo nel cassetto degli autori Angela e Roberto, che parla in modo moderno di cinque giovani delusi delle loro vite, personaggi  e storie di tutti i giorni. Inizialmente nella sceneggatura il belloccio era un orientale, poi per vari motivi si decise di ripiegare su un attore biondo e si pensò di farlo diventare australiano, alla fine abbiamo scelto un egiziano, perchè in Sisters in love si parla anche di integrazione e di stereotipi di bellezza che cambiano in una Italia sempre più multietnica. Tutti i personaggi sono accomunati dalla stessa sfortuna nei rapporti con l’altro sesso,  mi è sembrato un argomento molto attuale in cui lo spettatore può trovare sicuramente un personaggio in cui identificarsi e ridere, perchè il teatro serve anche a questo!“.

“Sisters in love” lo dice il titolo stesso è la storia di tre giovani donne, Assunta, Liberata e Rosaria, che condividono un appartamento e il medesimo rapporto conflittuale con il genere maschile. Assunta, burina oversize, vergine rassegnata; Liberata, barese in carriera con un ex fedifrago e il vizio dell’alcol; Rosaria, disoccupata e totalmente fuori di testa, in rotta di collisione con un marito da troppo tempo inadempiente ai doveri coniugali. Con loro vive Lelio, un giovane studente di fisica astronomica, nerd e socialmente disadattato, facile preda delle angherie delle tre arpie che sfogano sul ragazzo tutte le proprie frustrazioni. L’arrivo di Habil, un aitante ragazzo egiziano in crisi sentimentale, sconquasserà la nevrotica routine delle tre donne, improvvisamente rivali in una improbabile corsa all’accaparramento del maschio, che si concluderà, con un clamoroso fallimento.

Fino al 21 febbraio al teatro Di Documenti, http://www.teatrodidocumenti.it a Roma!

Articolo di Antonietta Di Vizia

sisters in love

“Sisters in Love” al Teatro Di Documenti a Testaccio ultima modifica: 2016-02-19T19:05:28+02:00 da Antonietta Di Vizia