LA CONTINUA METAMORFOSI DI MEDIOBANCA

alt tag mediobanca

LA CONTINUA METAMORFOSI DI MEDIOBANCA

 

Sono trascorsi ormai 20 anni dalla scomparsa di Enrico Cuccia, storico fondatore di Mediobanca. Ricordo quel giorno, cinicamente il titolo saliva proprio perché ne era deceduto il dominus.

Era infatti la fine di un era: l’Italia dell’euro e non piu’ della lira, il capitalismo anglosassone e finanziario avrebbe trionfato anche in Italia.

Anche in Italia le azioni si sarebbero contate e non piu’ pesate come con Cuccia. Infatti Mediobanca controllava gran parte del capitalismo italiano detenendo anche quote azionarie, ridottissime nelle singole imprese. La cosidetta galassia del Nord.

Ora Mediobanca ha praticamente dismesso tutte le partecipazioni non strategiche tranne il 10 % di Generali. Non gestisce piu’ industrie, giornali e telecomunicazioni, ma è diventata una banca normale, concentrata sul suo core business e sui suoi utili.

Una banca ben gestita divisa, in tre segmenti, banca d’affari, risparmio gestito e banca di credito al consumo.

Il suo azionariato, è cambiato nel tempo e oggi vede l’uscita di un suo storico azionista (Unicredit) e l’entrata del patron di Luxottica Del Vecchio, che vorrebbe salire oltre il 10 %. Forse potrebbe in futuro essere dismessa persino la sua storica partecipazione in Generali.

E’ cambiato il capitalismo italiano, con il 70 % dell’azionariato delle aziende quotate in mano ad investitori istituzionali per lo piu’ stranieri.

Il capitalismo di relazione italiano sembra in ritirata. Aumenta la democrazia economica ma diminuisce la politica industriale e l’italianita’.

Mediobanca oggi è una boutique d’eccellenza che cerca occasioni di crescita interne ed esterne, con basso leveredge operativo e finanziario, utili in crescita.

L’euro sta ridisegnando il capitalismo italiano e non fa eccezioni Mediobanca.

Insomma un’ottima banca, ma quasi del tutto “ normale “.

alt tag mediobanca

analisi di Andrea Vedovati

LA CONTINUA METAMORFOSI DI MEDIOBANCA ultima modifica: 2020-01-20T13:32:29+02:00 da admin