“Nel silenzio dei tuoi passi” Angelo D’Amelio torna in libreria

“Nel silenzio dei tuoi passi” l’8 aprile alla Libreria Arion in Piazza Montecitorio

Dopo circa due anni, lo scrittore Angelo D’Amelio torna in libreria con il suo nuovo romanzo “Nel silenzio dei tuoi passi”, edito da Youcanprint una intensa storia d’amore ambientata nel mondo legale, mai banale e piena di colpi di scena. Un romantico racconto dedicato ad un pubblico femminile o comunque ad un pubblico generalista, sensibile ai sentimenti e alle intense emozioni. Angelo D’Amelio, aveva già incantato i lettori con un primo romanzo “I luoghi della mia anima”, prefazione di Emilio Carelli, direttore di Sky Tg 24, un libro introspettivo che poneva l’uomo al centro del mondo e che raccontava di una terra molto amata, la Puglia, ma anche di profumi ed aromi che ricordano luoghi cari alla memoria e alle origini. Con “Nel Silenzio dei tuoi passi” Angelo D’Amelio, http://www.angelodamelio.com/, torna negli scaffali proponendo una storia avvincente e piena di sentimenti e passioni, e si prepara al primo appuntamento con lettrici e followers  l’8 aprile alla Libreria Arion in Piazza Montecitorio.

Nel silenzio dei tuoi passiCome nasce “Nel silenzio dei tuoi passi”?
Volevo raccontare le infinite possibilità che la vita ci offre trascinandoci nel suo mistero come la rapida di un fiume. Essere, esistere, vuol significare avere un destino, accogliere l’essere nel suo accadere più puro, pieno di incognite, in cui i protagonisti della mia storia si imbattono dopo essersi persi nell’ universo fantastico della fanciullezza in cui tutto è possibile, finché ne dura l’incanto. Restano entrambi immobili, distesi, tra l’erba del giardino della loro infanzia, trattenendo il respiro per confondersi nel silenzio della natura che li circonda. Ma ad un tratto devono separarsi per diventare grandi”.
Chi sono i protagonisti e in quale ambiente è inserita questa storia d’ amore?
I protagonisti di questa storia sono due vite come tante che attraversano insieme la stagione più bella della loro esistenza, l’infanzia, instaurando un legame assoluto che li renderà inseparabili anche quando, crescendo, saranno geograficamente distanti. Stabiliranno nuovi legami ma il bisogno dell’altro resisterà in quel primitivo abbandono che li riporterà a se stessi. Due destini differenti che in età adulta si ricongiungono prodigiosamente per uno strano gioco delle possibilità. Un brillante avvocato, lui, alle prese con un amore tormentato e un caso complicato da risolvere, viene catapultato improvvisamente in una spirale di cerchi concentrici dai contorni sfumati e indefiniti. Inizia così la sua lunga e tortuosa battaglia che lo porta a scoprire i segreti e le trame oscure del più grande studio legale della città, il Legal Bureau & Company, interessato solo ad allargare il controllo sulla Capitale e ad entrare in nuovi affari con politici o criminali, indifferentemente, pur di soddisfare la propria sete di potere e di denaro. Una sfida difficile e pericolosa che lo conduce mirabilmente a lei, la bambina, oramai adulta, a cui restituisce il senso della vita e il coraggio di credere ancora nel suo destino”.
Una storia d’amore con un doppio binario?
Si…in realtà convivono nel protagonista due vite affettive parallele ma non sovrapposte: l’una, con Nicole, passionale, instabile, nevrotica, lacerante e destinata a fallire tragicamente; l’altra, con Elisa, silenziosa, pura, innocente, delicata, che riaffiora inaspettatamente dalle brume del tempo facendogli vivere una dimensione amorosa completamente nuova, lontana dagli angusti confini del corpo. Una esperienza di innamoramento vissuta dall’interno, tra slanci, resistenze e paure, conduce i due protagonisti a riconoscersi nel mondo e a spingersi oltre il proprio stesso destino”.
Lei spesso parla di un disagio esistenziale dell’uomo moderno, presente anche nel suo primo romanzo, c’è qualcosa di autobiografico?
In tutti i miei libri registro la crisi in cui l’individuo si dibatte nella disperata ricerca di una identità che il rapido mutare della società gli rendono sempre più difficile e incerta. Con l’aumento delle conoscenze scientifiche e della capacità economica, l’uomo ha cessato di essere dominio esclusivo di Dio accrescendo la convinzione che massimizzare l’interesse individuale come principio razionale dello sviluppo sia l’unica scelta oggi possibile, il sacro imperativo categorico. Si sente sempre più il bisogno di controllare il futuro, di influenzare lo sviluppo per delineare la direzione del progresso fino ad applicare un calcolo razionale a sfere sempre più ampie della vita sociale ignorandone le conseguenze. Il vuoto che la tecnica ha scavato nelle nuove generazioni ha aperto grandi varchi alla noia e alla solitudine e privato il loro futuro di sogni e di certezze che puntualmente riaffiorano prepotentemente in queste pagine”.
L’8 aprile i suoi lettori potranno incontrarla in libreria “Arion” di Piazza Montecitorio, il primo di una serie di appuntamenti? Ci siamo! Vi aspetto tutti nella libreria storica del centro di Roma, che ha ospitato i più grandi eventi letterari degli ultimi anni, e dove anche io mi cimenterò coadiuvato da un eccellente nome del giornalismo italiano. Sarà offerto anche un delizioso cocktail di benvenuto. E per concludere questa simpatica intervista ricordate un pensiero fondamentale “amate chi legge. E leggete chi amate e ciò che amate. Pochi libri cambiano una vita ma quando la cambiano è per sempre, si aprono porte che non si immaginavano, si entra e non si torna più indietro. E’ questa la vera esplorazione dell’universo”.

Intervista di Antonietta Di Vizia

“Nel silenzio dei tuoi passi” Angelo D’Amelio torna in libreria ultima modifica: 2016-03-11T12:22:12+02:00 da Antonietta Di Vizia