Al Teatro L’aura arriva la brillante commedia “Manola”

Dall'8 al 12 novembre presso il Teatro L'aura.

Lo spettacolo Manola inaugura il progetto Teatro al Femminile, nato a Torino quest’anno ed entrato già in collaborazione con diversi centri antiviolenza del territorio piemontese.

Un commedia brillante che prende spunto da cosa?

Manola è una commedia ironica e brillante, tratta dall’omonimo best seller di Margaret Mazzantini.

Alt text Manola

Chi sono i personaggi e gli attori di questa opera teatrale?

Racconta il rapporto tra Ortensia ed Anemone, due gemelle talmente diverse da rappresentare gli opposti archetipi della femminilità. Le due donne si rivolgono ad una maga assente, e si rinfacciano, si raccontano, discutono e si sfogano senza incontrarsi mai. Interpretato da Gaia Contrafatto e Virginia Risso che, attraverso un’esilarante capacità di raccontarsi, riveleranno come in realtà i ruoli possono essere invertiti: la donna nera e la donna variopinta non sono due entità distinte, ma le due facce della luna.

Come nasce l’idea di portare in scena questo spettacolo?

Manola ha inaugurato il progetto di Teatro al Femminile, nato a Torino lo scorso giugno. Il nostro obiettivo è di promuovere l’arte dipinta di rosa, valorizzare la Donna, presentandola in tutte le sue sfaccettature, senza cadere in banali stereotipi. Manola rappresenta perfettamente questi intenti, perché svela al pubblico come in realtà i preconcetti e le apparenze siano soltanto delle illusioni a cui la società ha deciso di credere.

Quanto lavoro c’è dietro a Manola?

Teatro al Femminile continua a lavorare su questo fronte in collaborazione con diversi centri antiviolenza e associazioni per le pari opportunità del territorio piemontese.

RomaOggi.eu → Leggi il prossimo articolo

La Redazione

RomaOggi.eu “Interesting news for interesting people”

Alt text Roma calcio femminile
Indirizzo: Circonvallazione Clodia, 90, 00195 Roma RM
Telefono: 06 370 1272
Al Teatro L’aura arriva la brillante commedia “Manola” ultima modifica: 2017-10-31T13:14:28+01:00 da Cristiano Morelli