SANITA’- Lepidini “Medici sottopagati pronta Interrogazione in Regione”

alt tag lepidini
Alt text il mistero del cronovisore
CLICCA QUI PER COMPRARE IL MIO NUOVO EBOOK A SOLI € 0,49!

SANITA’, LEPIDINI-“MEDICI E SPECIALISTI SOTTOPAGATI DA CLINICHE ACCREDITATE E OSPEDALI. PRONTA INTERROGAZIONE IN REGIONE”.

Medici e specialisti sottopagati e sfruttati nel Lazio. Difficili condizioni di lavoro, turni massacranti con bassi compensi e alta responsabilità in ospedale così come nelle cliniche accreditate, una situazione davvero difficile da gestire che mette i giovani medici in stress da lavoro oltre a creare malcontento nella categoria per sfruttamento e salari non adeguati.
alt tag lepidini
Veronica Lepidini-Presidente Associazione Giovani Medici di Roma
Qual è la reale situazione di lavoro dei giovani medici nel Lazio? Lo Abbiamo chiesto a Veronica Lepidini, Presidente dell’Associazione Giovani Medici di Roma .
“La Regione Lazio continua ad ignorare la gravissima situazione di indigenza economica in cui sono costretti a lavorare i medici all’interno delle strutture ospedaliere accreditate con la Regione Lazio. L’abolizione di un tariffario minimo per i professionisti in medicina e chirurgia ha consentito la liberalizzazione degli onorari. Attualmente medici che effettuano le guardie, specialisti vengono pagati con tariffe ben lontane dalle medie europee e nemmeno lontanamente corrispondenti a realtà. Per sei ore di lavoro, anche notturno, un medico specialista percepisce 96 euro lorde; mentre per 12 ore di lavoro, compresi festivi e notturni, un medico di guardia ne percepisce poco più di 100, sempre lorde. Queste sono tariffe che ledono la dignità della categoria e della professione e oltretutto non tengono assolutamente conto dei rischi e delle responsabilità legate allo svolgimento della professione stessa. Come Presidente dell’Associazione Giovani Medici di Roma voglio denunciare questa situazione gravissima che continua ad essere ignorata e non può più essere taciuta. Grazie al lavoro con il coordinatore romano di Forza Italia Davide Bordoni e con il consigliere regionale, Antonello Aurigemma, a breve verrà depositata una interrogazione in cui si chiede, a Zingaretti, di verificare questi fenomeni che ormai sono diventati una consuetudine retributiva al ribasso e  di intervenire come opportuno adeguando i tariffari a quelli del servizio pubblico visto che parliamo di ospedali e cliniche accreditate. Si è vero Lazio e Piemonte e tante altre regioni con lo stesso problema ma questo non ci fermerà nel chiedere a gran voce un intervento politico immediato”.
Lepidini con l’interrogazione alla Regione Lazio  che cosa si auspica avvenga, come presidente dei giovani medici di Roma?
Nicola Zingaretti non può imporre all’ordine di medici di far applicare il tariffario minino, ma a livello politico può intervenire obbligando  le strutture accreditate di adeguarsi a quelle pubbliche e far pagare degli stipendi decenti a giovani professionisti che sono impegnati in prima linea, per tante ore al giorno, nei pronto soccorso e nelle strutture accreditate. Mi auspico quindi un intervento politico a breve.
Redazione
SANITA’- Lepidini “Medici sottopagati pronta Interrogazione in Regione” ultima modifica: 2018-04-26T12:11:11+01:00 da Antonietta Di Vizia