“Dimples” il nuovo singolo di Isabella Turso

Sono le note di “Dimples”, ad anticipare il nuovo album di Isabella Turso, in uscita a novembre, per l’etichetta Bluebelldisc Music.

Si tratta del terzo lavoro per pianoforte solo dell’artista trentina Isabella Turso, dopo i primi due capitoli discografici “All Light” e “Omaggio a Donaggio” e secondo i primi rumors sarà composto da una decina di composizioni e da una bonus track.

Scritto e registrato in un lampo, “Dimples”, che sarà disponibile dal 14 ottobre in tutti i principali digital store con la distribuzione della A1 Entertainment, è un brano che nella sua immediatezza comunicativa riporta in superficie le memorie d’infanzia, scavando nei ricordi più antichi.

Un concetto che emerge anche dal videoclip di “Dimples”, visibile in streaming sul canale dell’artista, girato tra Milano, Piacenza e la Corsica. L’acqua delle immagini infatti ben traduce l’incaptabilità e la naturale irrequietudine dell’artista. Non si ferma, la si contempla e osserva nel suo movimento ritmico e cadenzato, col piacere di goderne in purezza e incontaminaizone espressiva, nella bellezza del gesto musicale. Il rosso simbolo della passione artistica e l’azzurro come simbolo della purezza dell’anima e della generazione creativa.

“Dimples” ha chiuso un’estate davvero intensa per Isabella Turso che sempre per Bluebelldisc Music ha pubblicato anche i singoli “Get Busy” e “Dangerous (Busta Rhymes Remix)”, entrambi inseriti nel progetto Rapmaninoff, che mira ad avvicinare i temi della musica classica alle atmosfere urban del mondo hip hop.

Due brani che hanno ottenuto una grande visibilità anche tramite i rispettivi video su Youtube a partire da “Get Busy” che ad oggi ha già raggiunto quasi le 46.000 visualizzazioni mentre sono 50.000 i clic realizzati dalla pianista sulle note trascinanti di e “Dangerous (Busta Rhymes Remix)”.

BIOGRAFIA DI ISABELLA TURSO

Pianista e compositrice trentina, dopo gli studi classici in Conservatorio e un’intensa attività concertistica in Italia e all’estero, da qualche anno si orienta verso repertori eterogenei che spaziano dal barocco al contemporaneo, con interessanti incursioni nel mondo del jazz, della musica da film, del pop e del rap, senza limitazioni di stili e tendenze. Collabora con svariati artisti, tra cui in primis Maurizio Dini Ciacci (suo Maestro di composizione, con cui realizza moltissimi progetti artistici), Luis Bacalov, Arnoldo Foà, Elio, David Riondino, Andrea Morricone, Paolo Fresu, Gabriele Mirabassi, Rui Massena, Dargen D’Amico e Pino Donaggio.

Nel 2013 esce il suo primo album per piano solo, “All Light”, in un personale stile classico-pop-jazz (co-autore Maurizio Dini Ciacci), che ha avuto notevoli riconoscimenti dalla critica tra cui spicca quello ottenuto da Francesco Alberoni su “Il Giornale”. Ne realizza anche una versione per trio jazz e orchestra sinfonica con la partecipazione straordinaria del jazzista Paolo Fresu.

Collabora con il violinista americano Albert Stern, con cui registra un cd di brani da lei composti per questa formazione (presso il Morning View Studios a Malibu, California), eseguiti con il famoso Violon Rouge “Mendelssohn”, Stradivari del 1720.
Nel 2014 realizza il suo secondo album “Omaggio a Donaggio”, basato sull’elaborazione di temi, citati e ricomposti, tratti da colonne sonore di film (in particolare di Brian De Palma), di fiction e canzoni del compositore veneziano Pino Donaggio.
L’album ha ottenuto il massimo punteggio dal web magazine specializzato “ColonneSonore.net” “[…] il mirabile lavoro tecnico-compositivo dell’artista sulla tastiera risulta piacevole nella sua complessa genialità […]” ed è stato presentato in prima assoluta a New York presso l’Opera America Center in presenza di illustri personalità del mondo del Cinema e del Musical (come Maury Yeston, che l’ha definita una “classica-jazzista, che esegue i propri brani, scritti con un’evidente impostazione classica, come se fossero improvvisati”).Grazie a questo lavoro ottiene il Premio Apoxiomeno 2016 (assieme a Helen Mirren, Abel Ferrara, Vittorio Storaro, Robert Hackford) e il Premio Troisi 2017 consegnatole da Maria Grazia Cucinotta con la seguente motivazione: “pianista e compositrice, elegante e talentuosa, dà vita a lavori di intensità musicale tra classico e moderno”.

Il 25 dicembre 2014 riceve un’inaspettata telefonata dal Maestro Ennio Morricone che si complimenta per una sua elaborazione pianistica di “Nuovo Cinema Paradiso”, riconoscendole talento e sensibilità. Determinante è l’incontro con il talent scout e produttore discografico Charlie Rapino, grazie al quale ha l’opportunità di conoscere Dargen D’Amico a cui propone di lavorare assieme ad un nuovo progetto discografico. Nel 2017 esce il loro album “Variazioni”, prodotto da Tommaso Colliva, che mira ad avvicinare il genere hip hop alla musica colta. Nel 2018 ha collaborato come co-compositrice e co-interprete al singolo “Quando la canzone finisce spara!” del rapper milanese Caneda; ha co-scritto e co-interpretato anche i brani “The Wave” e “One Time Only” della band heavy metal trentina Nereis, entrambi pubblicati per la label americana Eclipse Records. Ha inoltre partecipato al videoclip dei Nereis “The Wave (Symphony Version)”.

Nel 2019 ha avviato la sua collaborazione con la rinata etichetta Bluebelldisc Music in veste di direttore artistico. Il 10 maggio è uscito per Bluebelldisc il suo singolo digitale e relativo video streaming “Get Busy (Sean Paul Cover)”, mentre dal 9 luglio è disponibile sul canale YouTube dell’artista il videoclip di “Dangerous (Busta Rhymes Remix)”, entrambi espressioni del suo progetto per pianoforte e voce rap intitolato “Rapmaninoff”. E’ stata invitata in veste di pianista interprete a importanti corporate event a Colonia (per Sky Germany) e Shanghai (per World Entertainment Company). Attualmente sta lavorando al suo nuovo album d’inediti pianistici in uscita il prossimo autunno in formato fisico e digitale.

“Dimples” il nuovo singolo di Isabella Turso ultima modifica: 2019-10-22T00:15:48+01:00 da Federica Pansadoro