Elena Paruolo: Il Pinocchio di Collodi e le riscritture in Italia e Inghilterra

alt tag elena paruolo

Nuovo bel libro di Elena ParuoloIl Pinocchio di Carlo Collodi e le sue riscritture in Italia e Inghilterra

Molte sono state le riscritture di Pinocchio, soprattutto a partire dagli anni Sessanta del Novecento, ma non ci devono fare dimenticare l’archetipo, cioè, il romanzo  pubblicato – prima a puntate nel Giornale per i bambini e poi in forma di libro (1881-83) –  da Carlo Lorenzini, in arte Collodi. Questo è uno dei messaggi dell’ultimo libro di Elena Paruolo: Il Pinocchio di Carlo Collodi e le sue riscritture in Italia e Inghilterra (Ed. Aracne, Roma, 2017), presentato il 24 giugno 2017 al Palazzo Fruscione, nel contesto del Festival della Letteratura di Salerno.

alt tag elena paruolo
La scrittrice Elena Paruolo al Festival di letteratura di Salerno

Nonostante le sue 388 pagine, è un volume fresco e intenso, ricco e  intrigante,  veramente interessante, impreziosito da disegni e da foto, e da uno splendido Dvd – ad esso allegato – che ricostruisce la storia del Pinocchio collodiano tramite scene di tre spettacoli teatrali dall’autrice selezionati, e presi in esame (insieme ad altri) in questo suo lavoro.

Pinocchio – da Collodi, in una lettera, definito una “bambinata” – è al contrario un testo complesso, molto più di quanto si possa immaginare. Sebbene sia ancorato nella cultura e società italiana post-risorgimentale, è un testo moderno, il cui protagonista è icona del nostro tempo a causa della sua identità liminale e metamorfica:  burattino, figlio, bambino, animale, adolescente, uomo, cittadino, italiano.

È un classico della letteratura per l’infanzia e della letteratura tout court, romanzo crossover per eccellenza, in quanto “scavalca” le barriere delle età, dei generi letterari, per rivolgersi a tutti.

Nato fiorentino, Pinocchio è diventato subito europeo e poi internazionale. È stato tradotto in più di ottanta lingue, inclusa una versione in latino e alcune versioni in dialetto, tra cui il napoletano. L’Inghilterra – pur essendo un paese che non dà molto spazio alla letteratura per l’infanzia proveniente dall’estero – è stato il primo a tradurre il romanzo nel 1892. E continua a darne traduzioni.

Ed è questo il motivo per cui il volume si concentra anche sulle diverse percezioni del burattino in Italia e in Inghilterra.

Attraverso la ricostruzione di pagine autorevoli di critica letteraria, e  anche la viva voce di autori e registi, Il Pinocchio di Carlo Collodi e le sue riscritture in Italia e Inghilterra di Elena Paruolo invita il lettore ad esplorare il mondo affascinante della letteratura per l’infanzia, della Commedia dell’Arte, del Teatro dei Burattini e della Pantomima inglese, nonché della traduzione letteraria. Selezionando alcune riscritture già note ed altre meno note (letterarie, cinematografiche e soprattutto teatrali) che del romanzo sono state date da artisti e scrittori eccellenti (da Carmelo Bene a Luigi Compagnone, da Luigi Comencini a Michael Rosen), e che tanto hanno contribuito all’affermazione del burattino in Italia e nel mondo, questo bel libro – sottolinea l’autricerivisita, in chiave comparatistica e interdisciplinare, un classico intramontabile e incircoscrivibile.

Redazione

Elena Paruolo: Il Pinocchio di Collodi e le riscritture in Italia e Inghilterra ultima modifica: 2017-10-07T08:25:47+00:00 da Antonietta Di Vizia