Marinetta Saglio Zaccaria da fotografa a scultrice

“Come forma che muta” la personale di Marinetta Saglio Zaccaria

Inaugurazione oggi 3 febbraio alla “Coronari 111 Art Gallery”, http://www.coronari111.com, una delle gallerie più cool della capitale, in via dei Coronari 111, della mostra della fotografa Marinetta Saglio Zaccaria “Come forma che muta”. Dal 3 al 20 febbraio 2016, esposte le sculture segno della trasformazione del suo lavoro creativo e della ricerca dell’anima nei suoi lavori, dalla fotografia degli anni 80′ e 90′ alle sculture degli ultimi anni.

marinetta saglio zaccariaMarinetta Saglio Zaccaria da fotografa patinata, che ritraeva i volti e le mode dello spettacolo, famosa per aver catturato attraverso lo sguardo l’anima dei personaggi che immortalava, dopo anni di ricerca di nuove forme espressive approdata alla scultura, per raccontare attraverso la materia un mondo in dimensione tridimensionale.

Come nasce in lei l’input creativo? La scultura nasce da sola dalle mie mani, io quando creo ascolto musica classica, Mozart in particolare, e plasmo la materia… e da una forma se ne crea un’altra quasi misteriosamente“.

Che cosa esprimono le sue sculture? Vorrei che il bronzo di cui sono fatte le mie sculture, le mie creature, diventasse carne e sangue, qualcosa che non sia freddo. Vorrei che la stessa anima che ricercavo nelle foto venisse fuori anche dalla mie sculture, il mio scopo oggi quando creo è che questo ferro, bronzo, argilla, abbia un anima e un corpo“.

Intervista video a Marinetta Saglio Zaccaria in versione integrale, sul canale youtube di Coronari 111 Art Gallery.

Articolo di Antonietta Di Vizia

Marinetta Saglio Zaccaria da fotografa a scultrice ultima modifica: 2016-02-03T12:58:32+02:00 da Antonietta Di Vizia